Fiocco nascita da appendere: 10 Consigli molto utili

Un pò di storia del fiocco nascita

La nascita di un bambino viene annunciata inequivocabilmente dal fiocco appeso alla porta d’ingresso dell’abitazione interessata dal lieto evento: è una tradizione molto sentita in Italia anche se in verità questa usanza affonda le sue origini nella storia orientale.
Nell’antico Oriente, infatti, i familiari dei neo genitori, erano soliti appendere all’ingresso delle abitazioni nelle quali era nato un bambino maschio, una grande coccarda. Questo serviva, secondo la tradizione, a scacciare gli eventuali demoni cattivi e gli spiriti maligni dalla casa in cui il piccolo nato sarebbe cresciuto. Questa pratica era dedicata solo alla nascita di bambini di sesso maschile, che da sempre, nella storia, godevano di maggior considerazione rispetto alle femmine, in quanto appartenenti al sesso più forte ed eletto.
Appendere il fiocco alla porta, quindi, assumeva un significato decisamente mistico e profetico.
Col passare del tempo la tradizione si è estesa in diversi paesi di tutto il mondo, compresa l’Europa, perdendo, tuttavia, l’alone religioso del passato ed assumendo soprattutto un significato informativo di annunciazione dell’arrivo del nascituro, sia maschio che femmina.

Particolare del Fiocco

Quando si appende il fiocco nascita e chi lo deve appendere?

Per quanto l’usanza di appendere il fiocco nascita alla porta di casa non sia più legata ad alcun aspetto mistico o religioso, esistono ancora molte superstizioni che i neo genitori non riescono a trascurare: per quanto una mamma o un papà non siano scaramantici, la nascita del proprio figlio è un evento troppo importante e nessun particolare può essere trascurato!
Ecco quindi quali sono le due principali regole da rispettare per evitare di essere di buon auspicio al piccolo arrivato:

1- il fiocco va acquistato dalla mamma verso il 7° mese di gravidanza quando l’ecografia conferma se sarà un bimbo o una bimba. Possono occuparsene anche zie, sorelle o amiche del cuore, l’importante che il fiocco nascita sia gradito a mamma e papà come segno di benvenuto.
Potranno essere proprio loro, inoltre, a premurarsi di appendere alla porta dell’abitazione il fiocco così da annunciare l’arrivo del bebè. E se non sono i parenti, sarà il papà che dovrà manifestare tutto il suo orgoglio dell’essere diventato genitore, appendendo il fiocco all’ingresso di casa.

2- il fiocco non va appeso prima della nascita del bambino, ma esattamente il giorno del lieto evento. É quindi consigliato evitare di adoperarsi con largo anticipo, pensando di portarsi avanti nell’opera per paura di scordarsi: il fiocco annuncia che è avvenuta la nascita, quindi va appeso alla porta di casa assolutamente dopo il parto e mai prima, evitando così di portare sfortuna! Se il giorno del parto tutti dovessero essere emozionati, così tanto da non avere il tempo per pensare al fiocco, o addirittura da essersene dimenticati, non ci sono grossi problemi: il fiocco nascita può essere appeso alla porta di casa anche nei giorni seguenti, senza paura di essere in ritardo!

Fiocco personalizzato azzurro
Fiocco personalizzato azzurro

Dove si appende il fiocco nascita?

Dovendo annunciare la nascita di un bebè, il fiocco nascita viene appeso alla porta dell’abitazione interessata o comunque al cancello di ingresso della casa. Non ci sono regole precise sul posto da scegliere, bensì la struttura della residenza piuttosto che la sua visibilità indicheranno quale posto è preferibile per annunciare a tutti l’evento mostrando il fiocco nascita.
Se la casa è indipendente, con giardino e vialetto, solitamente si pone un fiocco di grandi dimensioni sul cancello esposto alla strada; si riproporrà poi un fiocco più piccolo alla porta di ingresso, come benvenuto al piccolo bebè.
Se si considera, invece, un appartamento in condominio, il fiocco nascita esposto alla porta di ingresso dell’interno considerato diventa visibile solo ai vicini di pianerottolo. Per rendere l’evento visibile a tutti, dovrà essere appeso un secondo fiocco all’ingresso collettivo del condominio. In questo caso, tuttaia, sarà necessario richiedere un permesso scritto all’amministratore, così da accertarsi che tutti i condomini della struttura siano concordi nell’esporre il fiocco al cancello e ci sia la certezza che non dia fastidio a nessuno.
É consuetudine di questi tempi, inoltre, appendere il fiocco nascita alla porta di ingresso della stanza dell’ospedale in cui si trova la mamma: come a dare un benvenuto immediato al bebè appena nato.
Il fiocco, per la sua forma, evoca l’unione indissolubile tra due persone che viene sancita per sempre dalla nascita del bimbo. Ancora, lo stesso significato del fiocco inteso come metafora del legame tra due persone, si ritrova nell’antico Egitto, dove la Dea Iside, espressione di amore eterno e divino, era rappresentata da un nodo. Apporre quindi la coccarda sul letto dell’ospedale, è manifestazione di tale unione, che si manifesta con il piccolo neonato.

fiocco annuncio nascita
fiocco annuncio nascita

Quando va tolto il fiocco nascita?

Dovendo annunciare la nascita del bebè, il fiocco nascita deve essere ben visibile a tutti coloro che passano davanti all’abitazione interessata. Oltre, quindi, ad essere posizionato in una location in vista, è utile che rimanga appeso per un tempo abbastanza lungo, così da consentire a tutti di apprendere la notizia.
Anche in questo caso non esiste un tempo di riferimento stabilito da usanze comuni, bensì ogni famiglia decide in autonomia quanto tempo lasciare appeso il fiocco.
Da quando è nato il bambino, è utile lasciare in vista la coccarda almeno per due settimane, il tempo minimo per permettere ad amici e conoscenti di far visita al piccolino. Solitamente il fiocco non viene lasciato in esposizione, comunque, per un tempo di più di tre mesi.
Ci sono però genitori che decidono di lasciare il fiocco in vista fino alla data in cui decidono di organizzare il battesimo: in verità l’esposizione del fiocco nascita e la cerimonia del battesimo non sono due eventi correlati, ma non essendoci regole univoche, vige la libertà di azione.

fiocco nascita
fiocco nascita

Ed il colore…?

La tinta del fiocco nascita è solitamente scelta in base al sesso del bebè: rosa per le femmine e blu per i maschi. Quasi tutti i genitori sanno con anticipo il sesso del proprio figlio, per cui i parenti sono già orientati sul colore per il fiocco. Tuttavia coloro che non conoscono in anticipo il sesso del bambino o lo vogliono tenere segreto fino alla sua nascita, possono optare per colori diversi: giallo, bianco o verde sono le tinte più ricercate. Una curiosità: molti optano per un fiocco nascita di colore celeste, indipendentemente dall’arrivo di un maschio o di una femmina. Questo perchè celeste è il colore del cielo, evocativo quindi di infinito e libertà; inoltre è il colore della forza e del bene.

Pubblicato il