Montessori: è il metodo giusto per la scuola primaria?

in Mamme e Bambini
Metodo Montessori

Qualsiasi sia il tuo ruolo nella vita di un bambino, ricorda sempre che il bambino di oggi è il futuro, pensa a come vorresti il domani e avvicinati a lui con rispetto.

Montessori è il metodo educativo che prende il nome dalla sua ideatrice, pilastro della pedagogia italiana e mondiale del novecento. Madre della Pedagogia scientifica ha ideato le “Case dei Bambini” ed ha esportato il proprio Metodo in tutto il mondo.

Di lei ammiro il suo sostegno attivo nelle battaglie per l’emancipazione femminile, per il riconoscimento dei diritti di persone diversamente abili, dei meno abbienti e degli sfruttati. Maria Montessori è una donna poliedrica, la sua vita è stata dedicata allo studio, alla ricerca, al miglioramento della società attraverso l’educazione, nella speranza di poter costruire, attraverso essa, un mondo di pace.

La mia esperienza

Il metodo Montessori  è entrato nella mia vita quando era il momento di scegliere la scuola primaria per Leonardo, dubbi incertezze, nessuna delle scuole che avevo visto mi dava quella certezza che stavo facendo la scelta giusta per lui. Dentro di me sentivo che il metodo che mi stavano proponendo non era quello che avrebbe fatto bene al mio bimbo, quei “voti” scritti in rosso suonavano come un giudizio che, ne ero certa, lo avrebbe portato a chiudersi ancora più in se stesso.

Sapevo già che scegliere Montessori come Metodo avrebbe mosso critiche, le opinioni erano contrastanti e confuse. Lo scelsi comunque e ancora oggi lo sceglierei per come ha arricchito la mia vita ma soprattutto perché ha permesso al mio bimbo di inserirsi, con i suoi tempi, in una società che avrebbe potuto travolgerlo e gli ha dato gli strumenti per continuare nel suo percorso di studi con serenità e senza perdere il sorriso.

Desidero fare una precisazione molto importante per chi desidera scegliere il Metodo Montessori per la scuola primaria riportando alcuni fatti di cui tener conto. Qui: http://mariovalle.name/montessori/index.html trovi la versione originale e una lunga serie di risposte competenti alle domande più frequenti circa il Metodo Montessori

  • A livello ufficiale, solo in due paesi (Svizzera e Tunisia) “Montessori” è trademark protetto. Quindi negli altri paesi le scuole Montessori possono essere aperte da chiunque
  • A livello AMI (Associazione Montessori Internazionale) è iniziato un lavoro di certificazione delle scuole Montessori, una specie di bollino di qualità.
  • Le scuole Montessori sono di moda, per cui anche chi non condivide i principi montessoriani e non si è formato seriamente apre scuole Montessori, molto triste purtroppo. L’Ispirazione Montessoriana non è Metodo Montessori.

Come fare per sapere se la scuola che hai scelto è competente nell’adozione del Metodo Montessori? Io mi sono affidata al mio istinto e mi sono documentata. Le maestre formate presso A.M.I. (associazione Montessori internazionale) sono già una buona garanzia di partenza.

In 5 minuti questo video racconta e raffigura Montessori Madness.

 

Per i fratelli di Leonardo non ho potuto fare la stessa scelta, la scuola era molto lontana dal mio posto di lavoro e la gestione diventava impossibile. Ho portato con me un’esperienza bellissima e insostituibile e per quanto mi è possibile il Metodo Montessori rimane la mia filosofia per educare i figli.

Metodo Montessori: Come Iniziare

Io ho cominciato facendo ricerche Voglio condividere con te i 10 punti che lo riassumono, qui puoi scaricare il PDF: io ne ho fatto un quadretto e l’ho appeso nella gallery wall della nostra famiglia tra le nostre foto più care.

10 principi basilari del Metodo montessoriano sull’educazione del bambino

  1. Educare il bambino all’indipendenza
    Il compito degli educatori e dei genitori è aiutarli a compiere da soli le loro conquiste“La madre che imbocca il bambino senza compiere lo sforzo per insegnargli a tenere il cucchiaio, non lo sta educando.. Insegnare a mangiare, a lavarsi, è un lavoro ben più difficile che imboccarlo, lavarlo..”
  2. Mai impedire a un bambino di fare qualcosa perché è troppo piccolo
    Dimostrare fiducia e lasciargli svolgere i compiti più facili. I bambini sono appagati quando hanno dato il massimo di cui sono capaci e vedono la possibilità di esercitarsi.
  3. Abituare un bambino a fare con precisione è un ottimo esercizio per sviluppare l’armonia del corpo.
    I bambini sono istintivamente attratti  dal compiere con esattezza determinate abilità. Uno degli esercizi più adeguati proposti dalla Montessori è insegnare ai piccoli ad apparecchiare con scrupolosità, servire a tavola, mangiare composti, lavare piatti e ricollocare le stoviglie.
  4. L’educatore montessoriano deve essere un angelo custode che osserva e non interviene quasi mai.
    L’educatore deve rispettare il bambino che commette errori e guidarlo a migliorarsi da solo. Palesemente l’educatore deve intercedere in modo deciso e fermo quando il bambino esegue qualcosa di rischioso per sé e per gli altri.
  5. Mai forzare un bambino a fare qualcosa.
    Rispettare il bambino che si vuole rilassare da un’attività e si limita a osservare gli altri bambini lavorare.
  6. Educare al contatto con la natura.
    Il sentimento della natura matura con l’esercizio. “Se fate una passeggiata in montagna non prendete il piccolo in braccio, ma lasciatelo libero, mettetevi voi al suo passo, aspettate con pazienza che raccolga un fiore, che osservi un uccellino…”
  7. Innaffiare le piante e prendersi cura degli animali abitua alla previdenza.
    Formate il bambino a prendersi cura degli esseri viventi. Le cure attente verso animali e piante sono l’ appagamento di una delle inclinazioni più vivide.
  8. Sviluppare i talenti e mai parlar male di un bambino.
    Il maestro deve consolidare e accrescere ciò che c’è di positivo nel bambino, le sue qualità e i suoi talenti, in modo che possa abbandonare sempre più i difetti. Mai parlare male del bambino, sia in sua presenza che assenza.
  9. L’ambiente scolastico deve essere a misura di bambino.
    La scuola dev’essere un ambiente confortevole e familiare in cui tutto è configurato sulle necessità dei piccoli. I materiali didattici devono essere intenzionalmente studiati affinchè ne incoraggiano lo sviluppo intellettuale.
  10. I bambini sono i viaggiatori della vita e noi adulti i suoi ciceroni.
    Il bambino scruta le cose nuove e desidera capire il linguaggio a lui sconosciuto di chi lo circonda. Gli adulti dovrebbero sostenere e incoraggiare questa loro predisposizione.

 

“ Il bambino sente profondamente e teneramente ogni espressione della vita e chiede di essere molto amato e compreso. Il suo primo compito è la formazione della sua vita interiore e a questo scopo usa fin dai primissimi giorni il più meraviglioso strumento: l’intelligenza. Aiutarlo in questo cammino significa costruire la pace ”

MARIA MONTESSORI, PEDAGOGISTA

 

Per approfondire:

Io ho letto questi due libri che io ho trovato meravigliosi, entrambi di Grazia Honneger Fresco allieva diretta di Maria Montessori, editore il leone verde

Montessori, perché no?

Maria Montessori, una storia attuale

I libri di Maria Montessori

“Il Bambino in famiglia”

“Il Segreto dell’infanzia”

On line puoi leggere Il Quaderno Montessori vanta 30 anni di pubblicazioni fino al 2017

Qui l’intervista alla protagonista di questo post: Maria Montessori

Nell’applicare il metodo Montessori leggendo la ricca biografia ho compreso che deve essere soprattutto il buon senso a guidarci, imparando ad osservare possiamo affiancare il nostro bambino durante la crescita. Ci leggiamo al prossimo post : Come Applicare il Metodo Montessori, se hai trovato utile questo articolo condividilo nei social e se hai trovato una risorsa per arricchire questo testo lascia un commento.

Buona vita 😉

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *