Niente paura! Cosa_significa_avere_Paura_Cosedicuore.it

Niente paura! Ci pensa la vita, mi han detto così

In questo periodo di estrema incertezza, è normale sentirsi carichi di pensieri e timori. Ma a volte la paura può giocare anche a nostro favore. In che modo? Scopriamolo insieme cercando di capire cosa significa “avere paura” e come può diventare un’alleata per aiutarci a uscire dai periodi difficili.

Cos’è la paura?

La paura è per definizione “un’emozione primaria di difesa, provocata da una situazione di pericolo che può essere reale, anticipata dalla previsione, evocata dal ricordo o prodotta dalla fantasia”.

Esistono mille tipi di paure: paura delle malattie, dei ragni, degli spazi vuoti, delle folle… Alcune paure sono innate, altre astratte o legate al momento e alle esperienze. Esistono diversi gradi di paura: dal timore alla fobia, dal panico al timore. A seconda delle situazioni il nostro grado di paura modifica la propria intensità.

La paura è avere fiducia

Accogliere la paura, ascoltarla (e “lasciarla parlarle” anziché reprimerla) è essenziale per trasformare quell’energia a nostro favore. Dobbiamo fare in modo, infatti, che la paura non blocchi i nostri obiettivi, le nostre ambizioni, i nostri sogni. Le paure sono sagge, ci possono aiutare ad affrontare la vita.

Qualche idea per riconnetterci con le nostre paure e “farci amicizia”?

  • dedicati alla meditazione: per lasciar parlare il nostro inconscio. Sono sufficienti pochissimi minuti in un luogo tranquillo e confortevole. Non serve una grande preparazione, lasciati andare!
  • scrivere: prendere nota (a ruota libera) su un quaderno, senza riflettere troppo sulla forma, ma lasciando fluire i pensieri. Oppure scrivere una lettera alla propria paura. Sarà interessante rileggere il nostro scritto a distanza di tempo per captare il messaggio che la nostra paura vuole mandarci
  • parlare: con un familiare, un amico, uno specialista. Questo non solo per ascoltare consigli, ma soprattutto per dare un suono alla nostra paura. Se non te la senti di fare questo passo, puoi iniziare a parlarne ad alta voce: registra una nota vocale sul tuo telefono e riascoltala dopo poco. Che effetto ti fa sentirne parlare?

Sviluppare il proprio dialogo interiore è un percorso, da coltivare giorno per giorno. Deve essere un’espressione costruttiva con le nostre paure. Solo conoscendo il nemico è possibile “stringergli la mano” e portarlo dalla nostra parte!

La paura è una sfida

Borsa shopper motivazionale
Borsa shopper motivazionale

In questi giorni proviamo a chiedercelo spesso: in che modo la paura può trasformarsi in opportunità? A volta è necessario “specchiarsi” nelle nostre incertezze per trovare un momento di riflessione utile per migliorarci: per capire cosa è importante, chi vogliamo essere o diventare, quali aspetti della nostra vita (o del nostro carattere) possono essere “smussati” per accogliere il domani.

Questa sensazione di tempo apparentemente sospeso ci permette di evidenziare aspetti importanti della nostra vita e della nostra personalità.

È davvero un’occasione d’oro per metterci in connessione con le nostre emozioni (quindi anche con la paura) e partire da noi stessi, ritrovare il nostro centro per ripartire, domani, con nuova consapevolezza.

Questa quarantena, togliendo tutte le distrazioni che di solito ci portano via tempo e focus, ci “costringe” a capire cosa conta davvero nella vita.

La magia avviene quando… ascolti il tuo cuore!

Come dice Ligabue “Niente paura, ci pensa la vita, mi han detto così. Niente paura, si vede la luna perfino da qui”.

In questo periodo fai quello che senti giusto fare: prenditi cura di te ; dedica del tempo ai tuoi cari (vicini o lontani); personalizza un messaggio per loro, è sufficiente una lettera semplice, scritta col cuore; una cornice con la vostra foto preferita; un cuscino o un pupazzo da stringere forte o una filastrocca da leggere insieme. Usa la fantasia e vedrai realizzarsi la magia. Noi ci siamo, siamo qui per aiutarti a “inviare” il tuo messaggio speciale!

E allora non nascondiamoci dietro a un dito per non “vedere la luna”. La possiamo vedere, anche da qui!

X