Quando fare il bagno al neonato?

Oggi noi di CosediCuore vogliamo darti alcuni consigli su quando fare il bagno al neonato.

Il tuo bambino è nato, hai arredato la sua stanza e ricevuto in regalo da amici e parenti tutto il necessario per iniziare la sua nuova vita con mamma e papà. Tutto sembra andare per il verso giusto fino a quando arriva il momento di fargli il primo bagnetto e improvvise domande ti attraversano la mente. Quando fare il bagnetto al neonato, cosa serve e come farlo? Noi ti diamo qualche consiglio per come fare il suo primo bagnetto senza farti prendere dall’ansia.

Quando fare il bagno al neonato

Di solito il bambino appena nasce viene preso in custodia dal personale ospedaliero e dopo averlo sottoposto ai primi accertamenti medici, provvede a fargli il primo bagnetto che avviene sempre dopo qualche ora che è venuto al mondo.

Alcuni studi hanno accertato che ritardare il contatto con l’acqua è salutare per il neonato, visto che all’inizio è particolarmente sensibile al freddo, oltretutto il suo corpo al momento della nascita è ricoperto da un rivestimento ceroso che lo protegge da eventuali infezioni.

Il problema per il genitore sorge quando porta a casa il bebè. Se sulla poppata e il pisolino si hanno tutte le informazioni necessarie per non sbagliare, altrettanto non si può dire per il bagno, non tanto su come fare ma qual è il momento migliore per dargli la sua prima passata di spugna.

Il nostro consiglio è di non avere fretta. I neonati per questioni di igiene non hanno l’esigenza di essere lavati spesso, tuttavia gradiscono il bagnetto poiché ricrea la situazione di quando stavano nella pancia della mamma immersi nel liquido amniotico, per il genitore invece è un momento per avere un contatto diretto con il proprio figlio.

Il momento giusto per fare il bagno al bambino è quando il moncone del cordone ombelicale è caduto. Questo perché? Per evitargli probabili infezioni che potrebbero sorgere venendo a contatto con l’acqua. Difatti nei primi giorni di vita è bene tenere pulita e asciutta la zona attorno all’ombelico.

All’inizio fare il bagnetto può essere complicato, è preferibile farti aiutare dal partner o da un familiare.

Il bagnetto il piccolino può farlo anche se è raffreddato o ha la febbre, l’importante è che non prenda freddo. Non c’è un momento della giornata stabilito per fare il bagno al neonato.

Deve essere un attimo gradevole soprattutto per la mamma, in ogni caso è preferibile farlo lontano dal pasto per non avere problemi con la digestione. L’ideale sarebbe prima della poppata serale poiché il bagnetto dà un effetto rilassante e dopo aver mangiato è facile che il bambino prenda subito sonno senza fare capricci.

Bagnetto neonati cosa serve

Per il bagnetto del bambino è consigliato utilizzare una vaschetta o una semplice bacinella, che permettono di immergere il bimbo nell’acqua fino alle spalle.

L’ambiente deve essere riscaldato e l’acqua deve avere una temperatura intorno ai 36°. Per misurare la temperatura usa un termometro o immergi il gomito nella vaschetta.

Per il lavaggio non servono spugne ma è sufficiente la mano. Versa del detergente sul palmo e poi passa la mano sul corpo del bambino con gesti delicati.

Prima di fare il bagno al tuo bambino assicurati di avere a portata di mano tutto l’occorrente.

  • Prepara un asciugamano asciutto,
  • il pannolino pulito,
  • il bagnoschiuma adatto per la pelle dei più piccoli e
  • salviette.

Per stare sicura di non dimenticare nulla puoi acquistare una bustina nascita porta cambio con nome ricamato per accogliere il pannolino, il body, la cuffia. E’ un accessorio che non dovrebbe mancare nel corredo del bambino perché è molto comodo non solo in casa ma anche durante gli spostamenti e le passeggiate.

La nostra raccomandazione è di non lasciare nemmeno per un secondo il bambino incustodito dentro la vaschetta. Scegli un posto riscaldato e comodo per fare il bagnetto.

All’inizio potresti avere un po’ di apprensione, è normale, ma non è complicato come può sembrare, dopo aver acquisito manualità e esperienza l’operazione diventa un momento giocoso da condividere con il bebè.

Bagnetto neonato dopo la poppata

La preoccupazione principale dei genitori è se è meglio fare il bagnetto al bambino prima della poppata o subito dopo.

Ognuno si regola in base alle proprie esigenze, al tempo disponibile, al carattere del bambino. In realtà non esiste un orario stabilito per fare il bagnetto. In genere è sempre meglio evitarlo subito dopo la poppata oppure quando è affamato.

Ti starai chiedendo come mai questa doppia indicazione. Subito dopo la poppata non va bene fare il bagnetto perché il piccolo vorrebbe essere coccolato e starsene ancora tra le braccia della mamma, oppure la presenza di aria nella pancia potrebbe disturbarlo.

Se invece ha fame, potrebbe non gradire, poiché in quel momento la sua primaria esigenza è mangiare, potrebbe urlare, agitarsi e rifiutarsi di farsi lavare.

Il nostro consiglio è di non affrettarti a metterlo dentro la vaschetta subito dopo averlo staccato dal seno, ma nemmeno prima della poppata pensando poi di metterlo direttamente a nanna. Imparerai molto presto che i più piccoli hanno una digestione rapida, al punto che dovrai cambiargli il pannolino pochi minuti dopo la poppata.

Il momento ideale sarebbe quando il bambino è attento e ricettivo, quando mangiare e dormire non sono in quell’attimo le sue esigenze primarie. Ricorda se vuoi condividere qualcosa con tuo figlio anche tu devi essere nella condizione di vivere quel momento. Se sei stanca, affaticata e magari vuoi attendere il ritorno a casa del tuo compagno segui i suggerimenti che ti detta il tuo cuore e la tua testa.

Come fare il bagnetto al neonato

Siamo finalmente arrivati al momento di fare il bagnetto al neonato. La prima cosa che devi fare è riempire d’acqua calda la vaschetta a metà.

Assicurati che la testa del bambino venga sostenuta dalla tua mano e tenuta alta.

Immergi delicatamente il piccolo nella vaschetta, lava piccole zone del suo corpo, non impiegare troppo tempo perché i bambini si raffreddano facilmente.

Oltre a mantenere calda la stanza da bagno, accertati di avere sempre a portata di mano un asciugamano morbido per asciugare in modo delicato il bebè dalla testa ai piedi.

Fare il bagnetto al bambino senza utilizzare prodotti schiumosi può sembrare incompleto, ma non è necessario insaponare il piccolo. E’ indicato un sapone naturale assente da qualsiasi profumazione, a volte sono sufficienti acqua calda e un panno.

Se usi lo shampoo, nel momento del risciacquo, metti una mano sulla fronte del bambino per evitare che la schiuma finisca sui suoi occhi facendoli bruciare.

Una volta che il bambino ha finito di fare il bagno avvolgilo in un caldo accappatoio a triangolo ricamato.

Non è necessario applicare sul suo corpo borotalco e altri prodotti dopo bagno, la pelle del neonato è già di sua morbida e non necessita di lozioni o oli naturali.

A questo punto puoi iniziare a vestirlo e se è una femminuccia falle indossare un body, magari personalizzato con il suo nome.

Quando si pensa al primo bagno del bambino ci sono molte cose a cui pensare, ma i bambini crescono in fretta e in poco tempo vedrai tuo figlio seduto nella vaschetta a schizzare acqua da tutte le parti, solo allora avrai messo da parte le tue paure e comincerai davvero a divertirti.

Abbiamo altri consigli da darti sul nostro Blog:

Pubblicato il